Milan, Pioli-Giampaolo: il confronto – La Gazzetta dello Sport

Milan, Pioli-Giampaolo: il confronto – La Gazzetta dello Sport


Dopo 7 partite per entrambi, l’attuale allenatore ha raccolto un punto in meno del predecessore. Ma partite, gioco e un precedente sorridono al tecnico rossonero

In scia. Dopo il successo del Milan di ieri a Parma, Stefano Pioli e Marco Giampaolo viaggiano praticamente allo stesso ritmo: 9 punti in 7 partite l’ex tecnico rossonero, 8 nello stesso numero di gare quello attuale. 1,29 punti di media per il primo e 1,14 per il secondo. Sei gol fatti nella prima gestione e 7 nella seconda, 9 gol subiti con l’ex sampdoriano e 8 con l’ex fiorentino. Ma una squadra più equilibrata, che prima sapeva solo vincere o perdere (3 successi e 4 k.o.), mentre adesso alterna più risultati (2-2-3 il ruolino). In ogni caso, comunque, non possono essere solo i freddi numeri a dare una sentenza sulla bontà dell’avvicendamento in panchina.

TREND POSITIVO—  

Ecco allora che il confronto deve essere ampliato anche a calendario e gioco. Al contrario del predecessore, che ha avuto sulla sua strada solo l’Inter tra le big, Pioli ha dovuto affrontare Roma, Lazio, Juventus e Napoli e può pure recriminare per l’andamento di alcune di queste gare. Ma sono soprattutto i dati sulla produzione di gioco che fanno pensare che l’effetto del cambio in panchina sia vicino ad essere quello sperato. Prima di ieri a Parma, infatti, era da 13 mesi che il Milan non effettuava così tanti tiri (27) verso la porta avversaria e da 23 mesi che non subiva nemmeno una conclusione nello specchio in Serie A.

QUEL PRECEDENTE…—  

Ma non è solo questo a far ben sperare i tifosi rossoneri. Riavvolgendo il nastro alla stagione 2016-17, quando Pioli subentrò a De Boer sulla panchina dell’Inter, si trovano una serie di coincidenze favorevoli. Anche in quel caso l’attuale tecnico rossonero era partito a rilento (4 punti in 4 partite tra campionato ed Europa League, con una media peggiore del predecessore), ma dopo il successo sul Genoa alla 16ª giornata, riuscì a infilare una serie di 9 vittorie consecutive tra campionato e coppe (7 in Serie A). Dove si trovava l’Inter in classifica prima di quella giornata? All’undicesimo posto in classifica, a -11 dall’ultima posizione utile per l’ingresso in Champions League. Esattamente come il Milan oggi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *