Napoli Ospina: “Meret sarà un grande portiere” – La Gazzetta dello Sport

Napoli Ospina: “Meret sarà un grande portiere” – La Gazzetta dello Sport


Il colombiano è più bravo coi piedi ed è oggi in vantaggio sull’azzurro che stima molto. “In Sudamerica usiamo molto giocare così”

Dal nostro inviato Maurizio Nicita
@manici50

16 gennaio – 18:08
– Castel Volturno (Ce)

La decisione Rino Gattuso l’ha presa, almeno per il momento: sarà David Ospina il portiere titolare del Napoli. Meret retrocede in panchina, non per demeriti ma per un discorso tecnico-tattico. Infatti, al di là della papera contro la Lazio, il colombiano è più abile a giocare coi piedi e a far ripartire l’azione da dietro, mentre il friulano ancora deve migliorare in questo e già il tecnico sta intensificando il lavoro in allenamento in tal senso: “Perché parliamo di un patrimonio della società”. Dunque nell’attesa di questo salto di qualità, l’esperienza del sudamericano torna utile.

Ruolo speciale—  

E proprio David Ospina, dopo il rigore parato in Coppa Italia a Iemmello del Perugia, sottolinea: “Il ruolo del portiere è speciale, una volta sei il colpevole e un’altra volta sei l’eroe – ha detto ai microfoni di Sky -. La cosa più importante è tenere i piedi per terra, continuare a lavorare e dare tutto per la squadra, che sta prendendo fiducia. Con la Lazio abbiamo fatto tante cose buone, bisogna continuare su questa strada. Prima ero un attaccante, poi sono diventato portiere. Ma mi è sempre piaciuto giocare con i piedi, anche quando sono in vacanza gioco con gli amici e non vado in porta, ma davanti. In Sudamerica giochiamo tanto con i piedi, io metto questa caratteristica a disposizione dell’allenatore e della squadra”.

Niente rivalità—  

Su Meret, Ospina ha solo parole di grande apprezzamento: “Alex è un ragazzo stupendo, mi piace lavorare con lui e Karnezis. Alex ha una qualità immensa, ha la condizione per arrivare in alto ma in Italia ce ne sono tanti buoni, come Donnarumma e Sirigu. Il Napoli ha un portiere che ha grandissime potenzialità e che arriverà molto in alto se continuerà a lavorare bene”.

Incubo San Paolo—  

Ora il Napoli avrà tre partite consecutive al San Paolo in nove giorni, e Ospina ammette. “Questa cosa ci dà un po’ di pressione, ma contiamo sui nostri tifosi, abbiamo bisogno di loro, di tutti. Vogliamo dare il massimo in campo, fare le cose bene e conquistare le vittorie. La cosa più importante è cominciare a vincere le partite, così diventa tutto più facile. In questo girone di ritorno dobbiamo guadagnare punti. Il girone d’andata è stato complicato per tutti, ma abbiamo grandissimi giocatori e dobbiamo far bene. Quando si comincia a vincere la fiducia viene da sola. Con 19 partite ancora da giocare, i punti per provare ad agganciare il quarto posto ci sono. Ora pensiamo però solo alla Fiorentina”. Già che all’andata fece tre gol alla difesa di un Napoli con gli uomini contati, visto che oltre agli infortuni di Koulibaly e Maksimovic ci sarà anche l’assenza di Mario Rui per squalifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *