Gattuso: ‘Ci siamo addormentati, poi ho visto tanta personalità’

, , Leave a comment


Il tecnico del Napoli: “Col Barcellona più possesso palla, più tiri, sono contento della prestazione ma arrabbiato perché si poteva fare qualcosa di più”. Su Pirlo alla Juve: “Ora so’ ca…i suoi”

Primo tempo notevolmente sotto tono e con tre gol subiti (a uno, grazie al rigore di Insigne), ripresa di tutt’altro tenore con Barcellona tutto schiacciato dietro praticamente per tutti i 45’. Ma il gol non arriva, antico problema del Napoli, piuttosto c’è il solito palo (stavolta di Lozano dopo quello di Mertens nel primo tempo). Ed arriva l’eliminazione. “C’è tanto rimpianto per quella mezzora di blackout, abbiamo subito tre gol incredibili, anche se è da rivedere il primo gol – dice il tecnico del Napoli Rino Gattuso -. Ho visto una squadra che dopo gli errori gravi ha fatto la gara che doveva, con grande personalità, che ha messo in grandissima difficoltà il Barcellona. Mi fa rabbia prendere gol da calcio d’angolo dal Barcellona, di sicuro per diventare forti dobbiamo avere una mentalità diversa. Purtroppo, ripeto, ci siamo addormentati per mezzora”.

Impresa

—  

Credeva nella grande impresa, Gattuso. “Abbiamo avuto il doppio delle occasioni, se uno vede le statistiche sembra quasi che non ci sia stata partita a favore nostro. Comunque, sono molto soddisfatto della prestazione. Poi loro hanno Messi, altri giocatori di qualità e alla fine paghi anche il fatto che loro posso schierare 700-800 milioni in campo”.

Pirlo

—  

Alla fine, a Gattuso viene chiesto anche un parere su Pirlo, neo allenatore della Juventus. “E ora so’ ca…i suoi. Glielo dico per il mestiere che è difficile, non per il club, anzi beato a lui che comincia con la Juve. Bisogna studiar, lavorare tanto, si dorme poco, ecco perché ho detto quelle parole”.

 

Leave a Reply