Milan-Bologna 2-0: Ibra firma la doppietta decisiva

, , Leave a comment


Lo svedese segna un gol per tempo (il secondo su rigore), la squadra di Mihajlovic pericolosa solo nel finale

La stagione del Milan si apre come si era conclusa la precedente: con vittoria e tre punti. E, ancora, nel segno di Ibrahimovic. I due gol di Zlatan, uno per tempo, segnano il successo rossonero. Il Bologna si arrende allo svedese e al gioco organizzato di Pioli: un altro passo avanti rispetto al debutto europeo, un’altra dimostrazione di solidità. C’è molta strada davanti ma la direzione è quella giusta.

SUPER IBRA

—  

Dopo lo scudetto post Covid il Milan cerca conferma nella nuova stagione: dopo aver giocato giovedì a Dublino, i rossoneri debuttano a San Siro. E nel primo tempo la fatica di coppa non si sente: la squadra è padrona del campo, e potrebbe segnare già prima del gol che sblocca l’equilibrio di Ibrahimovic. Pioli ritrova Rebic per Saelemaekers, conferma il giovane Gabbia al centro della difesa e l’altro baby, Tonali, inizia in panchina. Mihajlovic dall’altra parte presenta il nuovo acquisto De Silvestri, gli altri dieci undicesimi sono il blocco della passata stagione. Il primo tentativo è dei rossoblù di Sinisa con Soriano che conclude a lato. Ma subito dopo è il Milan a uscire: il solito Ibra dà dimostrazione della sua classe con un colpo di tacco e successivo diagonale di poco fuori, conclusione su cui è decisiva la deviazione di Tomiyasu. Poi tocca a Calhanoglu: altro diagonale impreciso. Il Bologna fatica a rendersi pericoloso (Gigio blocca un tiro di Dominguez) il Milan lo fa, ma non inquadra la porta. Gabbia e Bennacer partecipano all’azione d’attacco: l’errore dell’algerino su ribattuta di Skorupski arriva a due metri dalla porta. Al 35’ ci pensa Ibra: cross di Theo, Zlatan stacca su Dominguez e trova l’angolo giusto. Non è un caso che il gol arrivi da un’azione sviluppata a sinistra: Hernandez attento dietro e propositivo davanti si conferma punto di forza della squadra. E poi il solito Ibrahimovic.

DOPPIETTA

—  

Nel segno di Ibra si apre anche la ripresa, che potrebbe vedere Zlatan raddoppiare già dopo 2’: Skorupski respinge di pugno. La doppietta non tarda ad arrivare: dopo cinque minuti, Bennacer conquista una punizione al limite dell’area che la Var trasforma in rigore. Il fallo di Orsolini è avvenuto dentro l’area: Ibra stavolta trasforma dal dischetto. Zlatan si è ripresentato in ottima forma, la partita di cinque giorni fa non pesa sulle sue gambe da quasi trentanovenne: conclude altre due volte, la seconda dopo aver superato il portiere avversario con la palla calciata incredibilmente fuori. Il Bologna continua a faticare e si vede solo con Olsen passata la mezzora, il Milan a spingere sullo stesso acceleratore di sinistra: grande partita di Theo. Al 32’ arriva l’esordio in campionato di Tonali, entrato al posto di Kessie. Nel finale è ancora Bologna con assalti senza successo: prima Sansone poi Santander, che stampa sul palo e infine Tomiyasu. L’orgoglio si esaurisce però con l’espulsione di Dijks per doppia ammonizione. Finisce 2-0: e tra 72 ore il Milan sarà di nuovo qui contro il Bodoe Glimt, di nuovo decisiva per proseguire il cammino europeo.

 

Leave a Reply